Regole di ingaggio del mobile marketing


In un articolo di giugno pubblicato su Mashable intitolato , 4 Rules of Engagement for Mobile Marketing, Carla Paschke, direttore del reparto Innovazione Mobile di Engauge ha parlato di quelle che sono 4 regole di ingaggio da utilizzare nella pianificazione strategica di campagne di mobile marketing.

Secondo Carla, una delle caratteristiche che rendono gli smartphone uno dei più potenti media è il fatto che non si limitano a dire ai brands cosa vogliono i consumatori, ma dove questi si trovano e cosa stanno facendo nei diversi momenti della giornata. 
Attraverso gli smarphone, i consumatori sono in grado di rispondere in tempo reale alle campagne di marketing, e questo ne influenza sia la portata sia la direzione. Si tratta di una conversazione a tutti gli effetti bidirezionale.

Rilasciare una nuova applicazione per quanto brillante è solo l’inizio. I brands devono motivare le persone ad agire attraverso la progettazione di campagne dinamiche e flessibili come lo è il mercato mobile, che ora include una varietà di messaggi e contenuti: la ricerca, il sociale, i video,la  musica, i giochi, i pagamenti e i servizi basati sulla localizzazione e sulla realtà aumentata.

I brands hanno bisogno di una profonda conoscenza del mondo in cui le applicazioni mobili possono guidare i consumatori e come programmare campagne che spingano a una specifica call-to-action in relazione a date di lancio, prove di prodotto e campagne correlate, sia online che offline. Per questo c’è la necessità di un monitoraggio in tempo reale delle informazioni  che provengono dalle applicazioni mobile e social media, oltre a un livello di dettaglio in grado di adeguare l’esperienza dalla massa a un livello individuale.

Per sfruttare a pieno le potenzialità del mobile, piuttosto che sviluppare una serie di iniziative una tantum, deve essere implementata una solida base strategica e un’integrazione delle applicazioni con il mobile web.

Date queste premesse, Carla offre una rassegna di quattro regole di ingaggio da considerare:

1. Inviare messaggi utili, non messaggi statici o senza significato

Il messaggio deve assumere un valore all’interno dell’overload informativo a cui è sottoposto quotidianamente il consumatore. Deve essere un elemento utile nel processo di filtraggio dell’informazione.

2. Creare conversazioni bidirezionali che costruiscano valore per il brand

I consumatori apprezzano che il loro loro input abbia qualche effetto e premiano i brands che li sanno ascoltare.

3. Socializzare i contenuti e le campagne attraverso le conversazioni

L’interazione diretta è la nuova ‘moneta’ introdotta dai social network. E’ necessario integrare il feedback proveniente dai consumatori, raggiungendoli attraverso il mobile nei luoghi in cui si trovano.

4. Capire e sfruttare i dati di utilizzo

La rilevanza è sia la sfida sia l’opportunità della capacità di raccolta dati degli smartphone. Il messaggio deve diventare tanto flessibile da adattarsi alle diverse sfaccettature del consumatore moderno

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: