I consumatori spendono più tempo sulle mobile app

giugno 28, 2011

Secondo un nuovo rapporto pubblicato su Flurry i consumatori stanno spendendo sempre più tempo su applicazioni mobili piuttosto che sul web.

Confrontanto i loro dati statistici riguardo i dispositivi mobili con le statistiche di comScore e Alexa, Flurry ha scoperto che nel mese di giugno, i consumatori hanno speso 81 minuti al giorno usando applicazioni per cellulari rispetto a 74 minuti di navigazione web.
I consumatori usano in media il 9% in più del tempo su applicazioni mobili.I  dati hanno rilevato inoltre che questa crescitanproviene da più sessioni per utente, piuttosto che da sessioni più lunghe.

Le sessioni, in generale, vengono consumate con l’uso di giochi e applicazioni social media, che occupano il 47% e il 32% del totale del tempo utilizzato per tali applicazioni. In altre parole, i consumatori spendono quasi metà del loro tempo con giochi, e un terzo in applicazioni di Social Networking. Insieme, queste due categorie occupano un tempo enorme, ben il 79%.  Inoltre, i consumatori utilizzano queste due categorie più frequentemente e per periodi più lunghi come sessione media rispetto ad altre categorie. Giochi e applicazioni Social Networking forniscono in sostanza l’esperienza più coinvolgente oggi sul cellulare.

uso mobile app


La sfida delle Apps

marzo 30, 2011

Dopo il Gsm World Congress di Barcellona sembra orami certo che  il 2011 sarà l’anno del sorpasso degli smartphone sui cellulari di vecchia generazione. A incidere su questo sorpasso sarà la diffusione di cellulari considerati di fascia bassa (al di sotto delle 100 euro) che saranno dotati delle principali funzionalità legate ai servizi evoluti, dalla connettività a internet alla possibilità di scaricare applicazioni. Un’ulteriore fattore di traino è indubbiamente l’azione di marketing messa in atto da Apple, che con iphone e ipad ha definitivamente sdoganato lo smarphone presso il pubblico di massa.

Nonostante il quadro mostri un certo vantaggio competitivo a favore  di produttori di device come Apple e proprietari delle piattaforme come Google, in realtà  all’orizzonte si configura un ruolo di rinnovata importanza per i gestori di telefonia mobile. Le telco, dopo aver perso la scommessa del walled garden sulla connettività internet, si stanno infatti muovendo verso il ruolo opposto, ovvero quello di garante dell’interoperabilità. In questa direzione si sta muovendo Telecom Italia, che a Barcellona ha presentato l’Application Manager, una piattaforma ‘trasversale’ che permetterà di accedere e utilizzare in maniera semplice ed intuitiva le applicazioni su telefonini, tablet, netbook e pc. La sfida si preannuncia interessante.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: